Confession of a wifiaholic #2: let’s backchannel!

[FlashBack] Sono in un’aula universitaria gremìta di MacBook e fornìta di Wi-Fi. Mentre gli invited speaker discutono sul “palco” il Future of Entertainment, il pubblico connesso commenta, provoca, puntualizza nel backchannel e ne approfitta per creare connessioni e condividere informazioni con reti socievoli dall’altra parte del mondo, grazie a Twitter e ai suoi hashtag. [/FlashBack]

5183988313_7a98d09183_m
Questa non è una pura fantasia, ma un ricordo che m’è parso una proiezione in un futuro remoto, quando, questa settimana, mi sono trovata in una sala conferenze, guarnìta di Wi-Fi, ma sguarnìta di MacBook. C’erano un paio di pc in sala, uno dei quali era dell’organizzatore, che si premurava di twittare frasi estratte dall’esposizione dei conferenzieri. Così mi trovo in un channel poco partecipato a cinguettare in compagnia di due loghi grigi e blu.

PubblicamenteSconnessa@Lingotto-Torino-IT

PubblicamenteSconnessa@Lingotto-Torino-IT

Qualche settimana fa, invece, alla gekkissima View Conference di MacBook ce n’erano assai, ma il Wi-Fi era eslusiva di quelli con il pass VIP. Per cui mi son trovata un’eremita nella folla ad annotare su Word le parole degli speaker, sognado conferenze e lezioni universitarie partecipate in cui gli astanti-studenti possano commentare, scambiarsi informazioni, criticare e fare, perchè no?, pure un po’ di gossip, giusto per tenere aperto il canale.
Un backcanale che, nella maggior parte dei casi, esiste già come infrastruttura tecnologica. Ad esempio tutte le aule del poco tech advanced Palazzo Nuovo sono dotate di Wi-Fi. Però, nel contesto italiano, non si attualizza nella pratica delle quotidianità didattica. Probabilmente per una molteplicità di resistenze culturali. Perchè, come ha scritto danah boyd commentando l’esperienza del backchannel di Modernity 2.0, vi è un atteggiamento di diffidenza (se non di disprezzo, se non di proibizione) sull’uso dei device di comunicazione durante conferenze, incontri di lavoro, lezioni universitarie.
Eppure le opportunità potrebbero essere molte: lezioni partecipate, Q&A dal pubblico distribuito geograficamente ma connesso comunicativamente, …

Voi avete mai avuto esperienze positive di conferenze partecipate?
O di totali fallimenti comunicativi, nonostante la disponibilità tecnologica?

Share your wi-fantasy on the FB group Mad for Wi-Fi!

Mad for Wi-Fi

Mad for Wi-Fi

DISCLAIMER: non posseggo dati quantitativi che dimostrino una correlazione diretta tra presenza di MacBook e uso di Twitter, il quale, attualmente, sembra essersi affermato come il servizio più funzionale alla pratica del backchanneling. Sono solo impressioni etnografiche.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...