I just wanna be more confident

Presentato al IX Convegno Nazionale AIS – Stati, Nazioni, Società Globale: Sociologicamente, 24 Settembre 2010.

Abstract

Internet è una risorsa utilizzata da un’estesa fascia di popolazione per acquisire informazioni, anche in relazione a problematiche di salute fisica e mentale. Le caratteristiche partecipative e globali della rete favoriscono l’emergere di gruppi di supporto online, in cui individui con un comune problema, oltre a condividere informazioni e conoscenza pratica, offrono sostegno reciproco. Un caso particolare di gruppi di supporto sono le “extreme communities” come i siti “pro-ana”, che nei discorsi pubblici vengono rappresentati come ambienti di promozione dell’anoressia come “stile di vita”. Tuttavia indagini sociologiche ed etnografiche hanno messo in luce il ruolo dei siti pro-ana come spazi di condivisione ed elaborazione della sofferenza attraverso cui superare l’isolamento sociale derivato dallo stigma che pesa sulle malattie mentali quali i disturbi del comportamento alimentare (DCA). Per indagare il fenomeno pro-ana nel contesto italiano ho condotto uno studio pilota analizzando il contenuto testuale e visuale di 50 blog pro-ana. La costruzione di un cybercorpo pro-ana è un tentativo di marginare le “rotture biografiche” create dall’«inferno» e dalla «lotta» interiore, vissuti da coloro che soffrono di DCA.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...