So cosa hai fatto the last weeks [sorority spoiler]

Son passate tre settimane da quando sono atterrata su un suolo a stelle e strisce. In questi weeks ho cercato di integrarmi, di apprendere gli usi e costumi locali. Naturalmente, non essendo riuscita a farlo in 27 anni italiani, non potevo certo pretendere di dare qui il mio meglio. Cosi’ ho dato il mio peggio. Forte di tutti gli stereotipi sulla youth culture americana appresi in quei 27 anni in cui, invece di tentare un’integrazione nella cultura natia, m’aggrappavo ai drama dei college d’oltreoceano.

Risultato? Un po’ come un orientale in visita a Firenze. Passo il tempo a fotografare le facciate delle sorority. Che, a dire il vero, con l’architettura fiorentina hanno in comune più di quanto si potrebbe ipotizzare (naturalmente detto da una che ha la stessa conoscenza dell’architettura fiorentina di un orientale medio).

1915186_172159882105_5830983_n

Cosi’ proprio come un orientale che chiede la pasta bolognese o un americano il coffe “grande”, tento di interagire con i primi indigeni incontrati dimostrando la mia fascinazione per le ragazze pon pon e le confraternite.

PESSIMA MOSSA.
Reagiscono come se a un italiano si dicesse: “che bella la tua cultura, fatta di P2 e politiche vallette”.
Infatti qui le confraternite sono descritte dai maggiori di 25 anni come associazioni criminali contro il diritto alla studio.
Per non parlare delle pop pon girls: semiprostitute vendute al mercato dello sport . E, si intenda, il prefisso semi deriva dal fatto che, nonostante i miliardi (billioni? triliardi? non so, ho chiesto quanto guadagnano i giocatori professionisti, ma non sono in grado di tradurlo ne’ in cifre ne’ in lettere) che girano nel mondo dello sport professionale, le ragazze sculettanti, pomponanti e tifanti non vengono pagate un frakkissimo buck.
Nativi: “Naturalmente tutt’altra cosa se si parla di cheerleader.”
Io: “Ah, si? E non sono la stessa cosa?”

ALTRA PESSIMA MOSSA.
Le cheerleaders sono abili ginnaste dedite all’arte competitiva dell’agonismo sportivo.
Ora: se qualcuno aveva capito la differenza guardando i college drama me lo dica, cosi’ evito di rivedermeli tutti per cercare il punto in cui lo spiegano.

5 risposte a “So cosa hai fatto the last weeks [sorority spoiler]

  1. Ma neanche io l’avevo capito, televisiva anche io!
    E dire che “Salva la cheerleader, salva il mondo” è stato il mio motto per un anno, nonché titolo di una pessima presentazione da me tenuta.
    Roba da matti.

  2. epperche’ queste cose a noi italiani le devono spiegare in modo piu’ chiaro. se il motto fosse stato “salva la cheerleader, abbatti le pon pon girl” sarebbe stato piu’ semplice anche per noi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...