Sex and the … parody

Tempi di rivisitazioni ironiche, autoparodiche. Quale altro mood, se non la parodia, poteva dunque far rivivere il primo chick dramedy in versione feature film? Non si fa nemmeno in tempo ad andare oltre la sigla per assistere alla prima rivisitazione: ed ecco che il jingle per sette anni invariato stoppa per lasciare il posto ad altra canzone. E il sound è proprio un altro. Dal dramedy del tv serial, si passa al dramedy-edy-edy. La bilancia punta alla commedia, spinta fino all’esasperazione farsesca. Che non sostituisce, ma aggiunge sapore agli altri mood e temi del serial.
Dunque:
Amicizia: always on. always as always. Le amiche come nuova famiglia.
Matrimonio: prospettato nel bel mezzo del gelido lungometraggio. Per poi culminare rivisto nel lieto fine.
Sesso: sex-samanta passa all’astinenza e si inghiotte la candelina dei 50 anni.
Feticismi modaioli: ormai gli ultimi desideri che fanno trattenere il respiro.
Ed infatti, l’unico momento in cui la sala si lascia sfuggire un oh stupito è all’inquadratura del guardaroba strafashion.
Per tutto il resto, anche i momenti più drama, sono sonorizzati da risate dalla prima all’ultima fila.
Persino durante il tragico: “lasciata davanti all’altare bibliotecario” nessun patema per la Carrie mollata.
Gli occhi ridono l’esasperazione di una bride troppo ostinata.
[Sex and the City. Torino: Cinema Arlecchino, Ore 20.00., 30 Maggio 2008]

3 risposte a “Sex and the … parody

  1. E finalmente dopo due ore e mezza Carrie sposa Big, ma non c’è nessuna suspence, più che altro sollievo!
    In effetti la parodia sembra evidente a partire dalle voci di Carrie e co, insolitamente sqillanti, un po’ fastidiose, delle voci da ragazzine su visi invecchiati.( a parte Charlotte, che mantiene voce e anche viso invariato)
    Peccato che da questa storia non abbiano provato a farne una nuova serie, invece che un lunghissimo e approssimativo film, dove per seguire qattro storie differenti, pare in realtà esserci un enorme vuoto.

  2. è: sui bambini dobbiamo riporre la speranza per il sequel. tipo Beautiful. che si fa subentrare la nuova generazione quando gli attori storici cominciano a diventare troppo vekki per essere credibili. nuova generazione multiculturale: come brangelina insegna. spekkio dei tempi hollywoodiani.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...